Pensioni agosto, aumenti, arretrati e conguagli 730

Sono in arrivo tante novità con le pensioni di agosto, che per alcuni pensionati saranno molto più ricche. Nel cedolino del prossimo mese, saranno presenti gli arretrati sugli aumenti delle pensioni spettanti per il 2023. Inoltre, ci saranno i conguagli e i rimborsi IRPEF legati al modello 730/2023 e il ricalcolo della pensione dopo i controlli della campagna RED per le prestazioni legate al reddito.

Per l’ottavo mese di pagamento della pensione del 2023 è bene verificare tutte le voci che compongono il Cedolino Inps.

Verifica delle pensioni dei residenti in Italia con le informazioni reddituali relative all’anno di imposta 2020, dichiarati nell’anno 2021
Nel mese di luglio 2023 l’INPS ha avviato la verifica a consuntivo delle prestazioni collegate al reddito ed erogate in via provvisoria negli anni 2020 e 2021. Pertanto, in presenza di variazione dell’importo mensile della pensione, nel mese di agosto 2023 viene posta in pagamento la rata di pensione aggiornata. I crediti a titolo di arretrati di importo fino a 500,00 euro lordi saranno pagati sulla mensilità di agosto. Il recupero con trattenuta su pensione delle somme eventualmente erogate in eccesso avverrà a partire dal mese di ottobre 2023.
I soggetti interessati sono stati avvisati con comunicazione dedicata.
Sulla rata di agosto 2023 viene anche avviato il recupero per incumulabilità dei redditi delle pensioni ai superstiti della gestione pubblica.

Trattenute fiscali: addizionali regionali e comunali, conguaglio 2022 e tassazione 2023
Con riferimento alle prestazioni fiscalmente imponibili, sul rateo di pensione di agosto, oltre all’ IRPEF mensile, vengono trattenute le addizionali regionali e comunali relative al 2022.
Queste trattenute sono effettuate in 11 rate nell’anno successivo a quello cui si riferiscono.  Continua ad essere applicata anche la trattenuta per addizionale comunale in acconto per il 2023, avviata a marzo, che terminerà a novembre 2023.

Conguaglio anno di imposta 2022
Prosegue, inoltre, il recupero delle ritenute IRPEF relative all’anno 2022 laddove le stesse siano state effettuate in misura inferiore rispetto a quanto dovuto su base annua.
Nel caso di pensionati con importo annuo complessivo dei trattamenti pensionistici fino a 18mila euro, per i quali il ricalcolo dell’IRPEF ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore a 100 euro, la rateazione viene estesa fino alla mensilità di novembre.
Per i redditi di pensione annui di importo superiore a 18mila euro e per quelli di importo inferiore a 18mila euro con debito inferiore a 100 euro, il debito d’imposta è stato applicato sulle prestazioni in pagamento alla data del 1° marzo, con azzeramento delle cedole laddove le imposte corrispondenti siano risultate pari o superiori alle relative capienze.
Le somme conguagliate sono state certificate nella Certificazione Unica 2023.
Tutti i pensionati che, a seguito dell’applicazione del conguaglio a debito abbiano subìto la riduzione o l’azzeramento della pensione, possono acquisire il dettaglio delle operazioni di calcolo accedendo al cedolino di pensione di giugno, alla sezione dedicata ai conguagli IRPEF, dove sono riportati puntualmente l’imponibile complessivo, l’imposta dovuta, quella effettivamente pagata e l’eventuale residuo debito da trattenere

Assistenza fiscale: conguagli da modello 730/2023 (su redditi 2022)
In questo mese, per coloro i quali hanno presentato le dichiarazioni dei redditi durante le prime settimane della campagna-fiscale 2023, ci saranno i conguagli risultanti dal 730/2023. Possono essere a debito, ma anche a credito. In quest’ultimo caso il cedolino pensione di agosto sarà più ricco.

IMPORTANTE
Non tutti visualizzeranno il rimborso fiscale 2022 con il Cedolino della Pensione di Agosto. Chi non dovesse trovarlo pur avendone diritto, potrà visualizzarlo con la mensilità Inps di Settembre.

NOTE UTILI
Ricordiamo che il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione dei redditi è il 30 settembre. Essendo un sabato la scadenza slitta in automatico al 2 ottobre.
I contribuenti in possesso delle credenziali di accesso ai servizi on line dell’INPS (SPID, CIE, CNS) possono verificare la propria dichiarazione e i relativi esiti attraverso il servizio “Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”, presente sul sito internet dell’Istituto.
Tuttavia, invitiamo i pensionati ad avvalersi dei servizi CAF CISL per ogni forma di assistenza e consulenza personalizzata e qualificata in campo fiscale.

 

Fonte: pensionati.cisl.it