RSA e visite, il Ministero della Salute ha confermato il rinnovo dell'Ordinanza dell'8 maggio 2021

A seguito della richiesta che abbiamo fatto, unitariamente a Spi e Uilp, per il rinnovo dell’Ordinanza del Ministro della Salute dell’8 maggio 2021, che definisce le modalità di accesso/uscita delle persone residenti, dei familiari e visitatori presso tutte le strutture residenziali (RSA, Hospice, Strutture riabilitative, Case di Riposo), il Ministero della Salute ha confermato la riapertura delle RSA secondo le linee guida definite dall’Ordinanza dell’8 maggio 2021 e portate a regime dalla legge di conversione 28 maggio 2021, n. 76.

La nota del Ministero inoltre specifica che:

  • va assicurato l’accesso alle RSA ad almeno un familiare per ciascuno/a residente nella struttura, ovviamente munito di certificazione Covid-19, tutti i giorni della settimana, anche festivi, garantendo al contempo che la visita si svolga in un tempo congruo di durata sino a quarantacinque minuti;
  • gli incontri devono svolgersi nel rispetto della necessaria riservatezza, pertanto il personale incaricato di far rispettare i protocolli sanitari dovrà operare con la necessaria discrezione, sorvegliando i locali in cui si svolgono gli incontri senza la necessità di un controllo per ciascuna visita;
  • le persone residenti in queste strutture, in caso di uscita, non dovranno essere sottoposte a quarantena al loro rientro;
  • le associazioni dei familiari e di volontariato possono essere coinvolte nella regolamentazione delle procedure di accesso alle medesime strutture.

Con la stessa nota si invitano gli Assessorati Regionali competenti ad effettuare controlli a campione sull’applicazione di tutte le misure, protocolli e linee guida adottati in materia, nonché a garantire la massima diffusione delle predette indicazioni operative a tutte le strutture del SSN (comprese le RSA e le RSD) in modo da assicurare l’applicazione uniforme sul Territorio nazionale.

 

Fonte: pensionati.cisl.it