Per il segretario della Fnp Cisl servono misure che tutelino lavoratori, pensionati e fragili

“Alle Istituzioni abbiamo chiesto di concentrare la propria attenzione sulla riforma delle pensioni e su quella del fisco e della sanità, con particolare riguardo in quest’ultimo caso alla riorganizzazione dell’assistenza ai più fragili, con l’emanazione di una Legge quadro sulla non autosufficienza. Non è più tempo di rimandare: il Governo deve assumersi la responsabilità di fare delle scelte troppe volte rinviate.

A differenza di qualche anno fa ora non c’è più tempo. Il nostro Paese, dopo quasi due anni di pandemia, non è in grado di reggere ulteriormente a questa morsa che lo sta attanagliando. Di fronte alle situazioni di estrema difficoltà vissute sul piano economico, non possiamo non ricordare che un aiuto importante, probabilmente fondamentale, per le nostre famiglie è venuto dai nostri pensionati, vero ammortizzatore sociale di questo Paese. Nel momento della crisi, sono stati loro ad aiutare figli e nipoti, ma questo stato di cose è cambiato.

Continueremo ad insistere sulla riduzione della pressione fiscale anche per i pensionati al pari dei lavoratori dipendenti, chiedendo  misure di equità, imperniate sulla progressività e sulla lotta all’evasione ed elusione, aspetti che rappresentano una condizione irrinunciabile per la ripresa dei consumi e dare una spinta forte sulla produttività, l’occupazione e lo sviluppo di questo Paese.”

 

Fonte: pensionati.cisl.it