Telemarketing aggressivo. “Un fenomeno molto più vasto e pericoloso di come appare”

 

Il Telemarketing aggressivo è “un fenomeno molto più vasto e pericoloso di come appare”, che, come ha spiegato in un’intervista il Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, Pasquale Stanzione, colpisce soprattutto i più vulnerabili come gli anziani. Come ha sottolineato il Presidente Stanzione, infatti, “al di là delle specificità di ciascun caso, ogni istanza legata al telemarketing illecito sottende una storia di ingerenze indebite che vanno ben oltre il mero fastidio della telefonata indesiderata. I casi più gravi riguardano le attivazioni indebite di servizi nei confronti delle persone più vulnerabili, come gli anziani o i disabili, difficilmente in condizione di reagire ad abusi simili”.

Come si può fermare questo fenomeno?

I cittadini che non desiderano ricevere chiamate promozionali o commerciali possono tutelare la propria privacy ed esprimere il diritto d’opposizione al telemarketing attraverso il Registro pubblico delle opposizioni.

COS’È, COME FUNZIONA E COME ISCRIVERSI

Il legislatore ha introdotto il Registro delle Opposizioni, uno strumento che ha come scopo quello di difendere i cittadini italiani da telefonate di telemarketing che vogliono pubblicizzare o vendere qualcosa. Pertanto, i cittadini che non desiderano ricevere chiamate promozionali o commerciali possono tutelare la propria privacy ed esprimere il diritto d’opposizione al telemarketing attraverso il Registro pubblico delle opposizioni. L’iscrizione al Registro è gratuita. La mancata iscrizione fa invece valere il principio del silenzio-assenso.

Registro delle opposizioni (RPO): cos’è?

Il registro delle opposizioni è un servizio attivo dal 1° febbraio 2011 che ha come obiettivo quello di tutelare la privacy dei cittadini e di dichiarare esplicitamente il proprio rifiuto a ricevere chiamate promozionali da parte dei call center.

Infatti, grazie alla presenza del RPO sarà possibile bloccare le chiamate da parte dei call center eliminando i propri dati personali presenti negli elenchi telefonici pubblici.

L’iscrizione al registro delle pubbliche opposizioni non annulla la possibilità all’utente di poter ricever contatti con finalità commerciali da parte di determinate società.

Prima di effettuare una campagna promozionale la società di telemarketing dovrà obbligatoriamente richiedere un accesso al registro pubblico escludendo dalla propria attività promozionale tutti i numeri che non sono presenti all’interno del Registro delle Opposizioni anche se non si è dato espressamente il consenso nel ricevere telefonate promozionali a tali società.

Le società che effettueranno telefonate a numeri presenti all’interno del registro oppure utilizzeranno un registro non aggiornato, incorreranno in pesanti sanzioni. Quindi è consigliabile iscriversi a tale registro se non si vogliono più ricevere fastidiose chiamate da parte di società di telemarketing.

Come iscriversi e come funziona?

Fino a poco tempo fa, l’iscrizione al Registro delle Opposizioni era riservata esclusivamente agli abbonati telefonici, soltanto cioè alle utenze il cui numero di telefono era incluso negli elenchi telefonici. In caso contrario non ci si poteva iscrivere.

La legge numero 5/2018 ha portato con sé una rivoluzione, consentendo l’iscrizione anche ai numeri non in elenco. Tutti, dunque, hanno il diritto di chiedere il blocco delle chiamate pubblicitarie, diventate nel corso degli anni sempre più frequenti e fastidiose per i cittadini.

E’ ammessa l’iscrizione al Registro delle Opposizioni per i cellulari, indipendentemente essi siano in elenco oppure no. Non rappresenta un ostacolo nemmeno il profilo del gestore telefonico.

L’utente può richiedere l’iscrizione che è gratuita, l’aggiornamento dei dati e la revoca al RPO tramite quattro modalità:

Per iscrivere mediante la modalità telefonica il numero di telefono (presente negli elenchi telefonici pubblici) di cui si è intestatari e/o l’eventuale indirizzo postale associato nel RPO è necessario chiamare dalla linea telefonica per cui si richiede l’operazione il numero verde RPO 800 265 265. Durante la chiamata l’utente dovrà scegliere l’operazione desiderata e seguire le indicazioni del risponditore automatico, comunicando alcuni dati personali*, tra cui il Codice Fiscale (o la Partita IVA).

In caso di difficoltà sarà possibile ricevere assistenza da un operatore umano (servizio disponibile dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00).

  • email (invio tramite posta elettronica di un apposito modulo). Per iscriversi nel RPO mediante la modalità email il numero di telefono (presente negli elenchi telefonici pubblici) di cui si è intestatari e/o l’eventuale indirizzo postale associato è richiesta la compilazione dell’apposito “Modulo EMAIL per Iscrizione, Revoca e Aggiornamento dati” e il suo invio all’indirizzo di posta elettronica iscrizione@registrodelleopposizioni.it.
  • raccomandata. Da inviare a – Gestore del Registro pubblico delle opposizioni – Abbonati, Ufficio Roma-Nomentano, Casella postale 7211, 00162 Roma –

Il servizio del Registro delle Opposizioni è attivo a tutte le ore del giorno, anche nei giorni festivi. Ciò significa che potete iscrivervi quando preferite, non ci sono limiti di orario né per contattare il numero verde né per compilare il modulo online inserito nel sito ufficiale del registro.

L’operatore di telemarketing che utilizza i dati presenti negli elenchi telefonici pubblici è tenuto a verificare con il RPO le liste dei potenziali contatti, tramite una serie di servizi disponibili sul sito.

Un ulteriore vantaggio dato dalla registrazione al servizio è l’annullamento automatico dei consensi al telemarketing stabiliti in precedenza, il più delle volte senza neanche esserne a conoscenza. Può capitare infatti, soprattutto ai soggetti più anziani, di conferire il proprio consenso non avendo la benché minima idea delle conseguenze.

Le sanzioni

La violazione del diritto di opposizione degli utenti – ovvero la mancata osservanza del rpo da parte degli operatori di telemarketing – è disciplinata dall’art. 83, par. 5, del Regolamento Generale sulla protezione dei dati – Regolamento (ue) 2016/679, che prevede l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie fino a 20 milioni di euro o per le imprese, fino al 4 % del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente.

Quanto dura l’iscrizione al registro pubblico delle opposizioni

L’iscrizione al registro oltre ad essere totalmente gratuita, ha una validità a tempo indeterminato. Ogni utente può richiedere di modificare, aggiornare oppure revocare la propria iscrizione in qualsiasi momento con le stesse modalità previste per l’iscrizione al registro.

Obblighi per gli operatori di telemarketing

Gli operatori di telemarketing che utilizzano per le proprie campagne i numeri presenti negli elenchi telefonici pubblici sono tenuti a registrarsi al sistema e a comunicare preventivamente al Gestore del Registro le liste dei numeri che intendono contattare. Queste liste saranno restituite dal Gestore entro le 24 ore dalla richiesta prive delle numerazioni dei cittadini che si sono iscritti al servizio opponendosi alla pubblicità telefonica e avranno una validità di 15 giorni.

 

 

Fonte: pensionati.cisl.it